Donne pericolose. Passioni che hanno cambiato la storia Titolo: Donne pericolose. Passioni che hanno cambiato la storia
Autore: Cinzia Tani
Editore: Rizzoli
Anno edizione: 2016
EAN: 9788817086004

Quindici storie di donne intrepide, che hanno combattuto per l’avventura, per denaro o per amore durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale.

“Gli uomini hanno i viaggi, le donne hanno gli amanti.” Se André Malraux avesse conosciuto meglio alcune delle protagoniste di queste pagine, forse non si sarebbe azzardato a liquidare così le passioni femminili. Perché spesso quelle storie d’amore sono il motore nascosto di grandi eventi storici. Soprattutto se a innamorarsi sono donne che hanno avuto un ruolo importante nello spionaggio del Novecento. Alcune hanno iniziato a collaborare con i servizi segreti per spirito d’avventura e patriottismo, altre perché non avrebbero potuto fare diversamente, e sono partite contro tutto e tutti gettandosi con un paracadute come Krystina Skarbek o resistendo alle più atroci torture come Odette Brailly. La più famosa è Mata Hari, la più insospettabile Joséphine Baker, mogli infelici e collezioniste di amanti, l’una giustiziata come doppiogiochista, l’altra convinta collaboratrice della sua patria d’elezione, la Francia. E come loro Gertrude Bell, archeologa, scrittrice e agente segreto in Medio Oriente durante la Grande Guerra. E ancora Violette Morris, campionessa sportiva francese, bisessuale, che lavorò per la Germania, o la bellissima attrice austriaca Hedy Lamarr, che fuggendo a un marito dispotico che collaborava con i tedeschi, ne portò con sé i segreti militari.

Agnelli una storia italiana...

Agnelli una storia italiana…

Un lungo racconto di una famiglia e d’una impresa, la Fiat, i cui destini sono stati strettamente intrecciati con le vicende dell’economia, della cultura, della politica, dell’intera società italiana, nell’arco di oltre un secolo. Il racconto – cu…

La vera storia dei miei cap...

La vera storia dei miei cap…

"Esiste un prima e un dopo nella vita di un omosessuale. All’inizio giochi a nascondino con te stesso e con gli altri. Ma non è un gioco piacevole: la penitenza è la pubblica gogna, o almeno questo è quello che ti fanno credere. Poi cambi pel…

I Frank. La storia della fa...

I Frank. La storia della fa…

Una donna di 93 anni muore lasciando una soffitta piena di memorie. Ma se quella signora è Helene Frank, sorella di Otto Frank padre di Anne, il valore di quelle memorie diventa inestimabile. Prima della guerra, quando Otto con la sua famiglia si …

A colloquio con Gaspare Spa...

A colloquio con Gaspare Spa…

«Io non cercavo verità storiche o giudiziarie. Volevo capire come Spatuzza potesse conciliare questi molteplici livelli. Cercavo una storia di vita».Alessandra Dino a Il Venerdì

Nella sua testimonianza diretta e pulsan…

Innocente. Una storia vera

Innocente. Una storia vera

Ron Williamson lascia il natio Oklahoma nel 1971, poco più di un ragazzo, inseguendo il sogno di diventare un campione di baseball. Dopo sei anni nel campionato minore un incidente mette fine alle sue speranze di gloria. Torna a casa, cerca un lav…

Casa Biagi. Una storia fami...

Casa Biagi. Una storia fami…

Tutto iniziò con un tè danzante, una domenica di guerra del 1940. Un giovane Enzo, già innamorato del giornalismo, si lascia sedurre dalle più belle gambe di Bologna, quelle della maestrina Lucia appena tornata da un incarico a Pozzuoli. È così ch…

Le altre facce della storia...

Le altre facce della storia…

I lettori del "Corriere della Sera" chiedono spesso, nelle lettere che inviano a Sergio Romano, informazioni su personaggi che hanno lasciato tracce importanti nella storia, pur non essendo stati protagonisti assoluti. Nelle sue risposte…

La moglie del trafficante. ...

La moglie del trafficante. …

Quella scritta sotto lo pseudonimo di Leyla è la storia vera di una donna che, ancora oggi, vive sotto protezione per sfuggire alle minacce di morte che pendono su di lei. Ma questo è soltanto l’ultimo episodio di una vicenda personale iniziata mo…

Tutto o niente. La mia storia

Tutto o niente. La mia storia

Una vita vissuta sempre di corsa, in campo e fuori, ma senza sbandamenti: «Ho lottato per il mio sogno da solo, senza l’aiuto di nessuno. Come regalo ho avuto il talento, tutto il resto me lo sono guadagnato passo dopo passo, centimetro per…

L' arte della cucina soviet...

L’ arte della cucina soviet…

Anya von Bremzen lascia l’Unione Sovietica nel 1974. Ha poco più di dieci anni ed è al seguito dell’indomita madre Larisa che, da sempre insofferente alle stramberie del regime, prende una volta per tutte la decisione di emigrare il giorno in cui,…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *