Giornalismi. Media e giornalisti in Italia Titolo: Giornalismi. Media e giornalisti in Italia
Autore: Angelo Agostini
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2012
EAN: 9788815238801

Oltre la notizia: imprese editoriali, identità professionali, opinione pubblica, rivoluzione digitale. La nuova edizione del volume di Angelo Agostini ripropone un’analisi dello sviluppo del giornalismo italiano dagli anni Settanta a oggi che offre allo stesso tempo un’interpretazione della storia economica, politica, sociale e culturale del Paese. Dopo aver raccontato come Eugenio Scalfari e Silvio Berlusconi hanno dato vita a due imprese editoriali che hanno radicalmente cambiato il sistema dei media e dell’informazione in Italia, l’autore entra nel vivo della svolta digitale e dei riflessi che questa ha avuto sul consumo delle notizie da parte degli utenti. Il nuovo capitolo inserito alla fine del volume si concentra in particolare sugli ultimi 10 anni e disegna uno scenario che vede da un lato la radicalizzazione del giornalismo italiano, con il successo di testate fortemente identitarie, da "Repubblica" al "Fatto Quotidiano", passando per "Libero" e "Il Giornale", dall’altro il rischio di impoverimento e marginalizzazione della professione giornalistica con lo sfoltimento delle redazioni e la precarizzazione totale delle nuove generazioni.

Pompei, Italia

Pompei, Italia

"Pompei crolla", "Pompei inaccessibile e transennata", "Pompei ingovernabile". Titoli di cronaca, ogni giorno che passa sempre meno sorprendenti. Dietro questi titoli c’è una storia millenaria di arte, distruzione e a…

Le politiche sociali. L'Ita...

Le politiche sociali. L’Ita…

Accanto a una panoramica informativa sulle principali politiche sociali, questo volume presenta alcuni fondamentali strumenti analitici e chiavi interpretative per il loro studio. A un’introduzione storico-comparativa segue una serie di capitoli d…

Italiani si diventa

Italiani si diventa

Cosa vuole dire aver fatto il bambino nell’Italia del boom, o l’adolescente negli anni Settanta? Lo spiega in questo libro Beppe Severgnini, classe 1956, giornalista. La collaudata ironia dell’autore diventa autoironia; e l’autobiografia diventa l…

Separati in patria. Nord co...

Separati in patria. Nord co…

Chi minaccia (o promette) secessioni può risparmiarsi la fatica: l’Italia è già spaccata. Almeno in due. Nord e Sud sono mondi diversissimi, che a volte si odiano, quasi sempre non si capiscono e di sicuro non sembrano appartenere allo stesso Paes…

Immigrazione e sicurezza in...

Immigrazione e sicurezza in…

Marzio Barbagli è stato il primo in Italia ad affrontare in maniera esplicita il tema, politicamente scorretto, dei reati commessi dagli immigrati (soprattutto irregolari, ma anche regolari), destando inizialmente imbarazzi e critiche, ma imponend…

L' Italia di Mussolini. 191...

L’ Italia di Mussolini. 191…

Perché, dopo l’irresistibile ascesa, il duce mancò l’obiettivo più ambizioso del suo progetto politico: la "fascistizzazione" della società e la costruzione dell’"uomo nuovo fascista"? Richard J.B. Bosworth cerca di rispondere …

Breve storia della moda in ...

Breve storia della moda in …

La moda è un fenomeno che caratterizza la vita contemporanea, tanto più in un paese come il nostro che del "made in Italy" ha fatto il suo biglietto da visita sul mercato internazionale. Ma il predominio italiano è un fatto relativamente…

Partiti e Stato in Italia. ...

Partiti e Stato in Italia. …

Tratto distintivo della vecchia partitocrazia, le nomine dei partiti sono sopravvissute indenni al crollo della Prima Repubblica. Mentre dilagano le cronache di vicende verso cui cresce l’ostilità dell’opinione pubblica, è finora mancata un’indagi…

Storia delle origini del fa...

Storia delle origini del fa…

A lungo si è considerato il fascismo come il prodotto della crisi europea successiva alla glande guerra. In questa sua fondamentale opera Vivarelli rilegge invece la storia dell’Italia postunitaria mostrando che il fascismo è il frutto, non la cau…

Questo ponte s'ha da fare. ...

Questo ponte s’ha da fare. …

Cosa saranno mai tre chilometri? Passeggiando in tutta tranquillità, si percorrono in meno di tre quarti d’ora. Eppure è dalla notte dei tempi che tre chilometri di mare tengono lontana la Sicilia dal resto d’Italia. File interminabili per imbarca…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *