I crimini dell'economia. Una lettura criminologica del pensiero economico Titolo: I crimini dell’economia. Una lettura criminologica del pensiero economico
Autore: Vincenzo Ruggiero
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2013
EAN: 9788807105012

Spesso gli economisti hanno visitato il campo della criminologia, allo scopo di comprendere la logica razionale che si nasconde dietro i reati.

Quando gli economisti esaminano l’attività criminale danno per scontato che i rei vadano trattati come qualunque altro attore sociale che compia scelte razionali.

In "I crimini dell’economia", Vincenzo Ruggiero restituisce la visita, passando in rassegna una varietà di scuole del pensiero economico classico secondo una prospettiva criminologica. Ciascuna di queste scuole, secondo lui, giustifica quando non incoraggia i delitti che sono il risultato dell’iniziativa economica. Ruggiero analizza, tra gli altri, John Locke e la sua nozione di proprietà privata, il mercantilismo, i fisiocrati e Malthus, nonché le argomentazioni di David Ricardo, Adam Smith, Alfred Marshall, John Maynard Keynes e del neoliberismo. In ciascuno di questi quadri teorici rintraccia la potenziale giustificazione di differenti forme di "crimini dell’economia". Il libro, che si rivolge a chiunque si interessi di teoria sociale, di criminologia, di economia, di filosofia e di politica, compie un vero e proprio riesame della storia del pensiero economico, considerandolo alla stregua di una disciplina che, mentre si sforza di guadagnarsi la reputazione di scienza, in realtà mira a rendere accettabile la sofferenza sociale che produce.

Essere o vivere. Il pensier...

Essere o vivere. Il pensier…

Un viaggio dall’Europa alla Cina, dal modo in cui "noi" pensiamo al modo in cui "loro" pensano. Noi pensiamo all’essere, loro al vivere; noi vediamo oggetti, loro eventi. C’è uno spazio in cui incontrarci?

L’…

Il pensiero pendolare

Il pensiero pendolare

In questo libro si parla di un tipo particolare di movimento, il movimento del pendolo, che accompagna un tipo particolare di pensiero, il pensiero pendolare. Il pendolo è qui simbolo di esperienza e modello di conoscenza: oscilla fra un estremo e…

Laboratorio Israele. Storia...

Laboratorio Israele. Storia…

Com’è possibile che un paese con poco più di sette milioni di abitanti, privo di risorse naturali, travagliato da continue guerre, riesca ad aumentare la sua crescita economica di cinquanta volte in sessant’anni e a diventare il centro propulsore …

Incontri con il pensiero so...

Incontri con il pensiero so…

Scritto senza preoccupazioni accademiche e con linguaggio piano, questo libro si propone di avvicinare il lettore alle idee di un ristretto numero di pensatori che hanno offerto contributi profondi e originali alla riflessione sulla società modern…

Gomorra. Viaggio nell'imper...

Gomorra. Viaggio nell’imper…

Un libro che racconta il potere della camorra, la sua affermazione economica e finanziaria, e la sua potenza militare, la sua metamorfosi in comitato d’affari. Una scrittura in prima persona fatta dal luogo degli agguati, nei negozi e nelle fabbri…

Politica e visione. Continu...

Politica e visione. Continu…

L’approccio adottato dall’autore è quello storico perché è sembrato il modo migliore per capire i problemi della filosofia politica e il suo carattere di "impresa" intellettuale. Dopo un capitolo introduttivo nel quale l’autore definisce…

L' unificazione europea nel...

L’ unificazione europea nel…

Figura di spicco nella storia italiana del Novecento, Carlo Sforza è stato oggetto di ampi studi storiografici, incentrati principalmente sulla sua attività di parlamentare e diplomatico. Mancava, invece, una ricostruzione organica dell’azione eur…

La teoria della classe agia...

La teoria della classe agia…

A cent’anni dalla sua uscita, "La teoria della classe agiata" di Veblen conserva una notevole importanza. Il libro si presenta come un trattato economico classico, dove le questioni tradizionali (consumo, produzione, distribuzione del re…

I vinti non dimenticano. I ...

I vinti non dimenticano. I …

"Quando pubblicai Il sangue dei vinti nell’ottobre 2003, venni linciato dalle sinistre. Tre anni dopo, nel 2006, per l’uscita di un altro mio lavoro revisionista, La grande bugia, fui aggredito a Reggio Emilia da una squadra di postcomunisti …

Verso la terra promessa. St...

Verso la terra promessa. St…

Il racconto di Goldberg comincia da Moses Hess, autore di "Roma e Gerusalemme" e da Theodor Herzl, il fondatore del sionismo politico che sognava uno stato ebraico in Palestina che amalgamasse il meglio della cultura europea. Altri pensa…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *