Il linguaggio grafico della follia Titolo: Il linguaggio grafico della follia
Autore: Vittorino Andreoli
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Anno edizione: 2009
EAN: 9788817035811

La follia è il grande mistero con il quale Vittorino Andreoli si confronta ormai da decenni.

Ma la follia non manifesta se stessa soltanto attraverso comportamenti fisici inconsulti o produzioni verbali anomale. Anche le creazioni grafiche possono essere rivelatrici, se non apertamente di un sintomo, comunque di uno stato di affezione e di sofferenza psichica. È il 1959 quando Andreoli, ancora studente al liceo, accede per la prima volta all’atelier di pittura nel manicomio di Verona: in qualche modo comincia a vedere la follia dentro i colori che i pittori disponevano sui loro quadri. Da lì è iniziato un lungo percorso di conoscenza e di amore per i "suoi matti". Questo volume raccoglie la Mimma delle sue osservazioni empiriche e delle riflessioni teoriche elaborate in cinquantanni di professione medica, una vera e propria antologia sul linguaggio non verbale in psichiatria Disegni, dipinti, "espressioni" che sono al contempo indizio di malattia mentale e arte a tutti gli effetti, nella lettura lucida e partecipe di un grande esperto degli studi clinici internazionali.

Il linguaggio dell'autismo....

Il linguaggio dell’autismo….

Negli ultimi vent’anni i migliori risultati sui trattamenti dei disturbi dello spettro autistico sono stati ottenuti da quegli studiosi che hanno saputo integrare informazioni provenienti da ambiti di ricerca diversificati, quali le neuroscienze, …

Il gene. Il viaggio dell'uo...

Il gene. Il viaggio dell’uo…

L’autore racconta in un linguaggio semplice ma rigoroso tutte le peripezie della nascita e dello sviluppo di un’idea scientifica, e offre un salutare spunto di riflessione rispetto ai dubbi che talvolta sorgono quando le conquiste della ric…

La scienza ci guarirà. Vinc...

La scienza ci guarirà. Vinc…

Se apriamo i giornali, c’è di che spaventarsi: nuove malattie che esplodono a livello epidemico, patologie che sembravano debellate che ritornano, l’Aids che incombe di nuovo minaccioso, e soprattutto il cancro, ancora lontano dall’essere sconfitt…

Vegliate con me. Hospice: u...

Vegliate con me. Hospice: u…

L’hospice è un luogo di cura destinato ad accogliere il malato affetto da patologia cronica e inguaribile. Esso rappresenta non solo un luogo, ma anche una filosofia terapeutica che, attraverso le cure palliative, si propone di intervenire sulle d…

Storia della medicina dall'...

Storia della medicina dall’…

Una panoramica dall’antichità al Rinascimento e quindi la grande rivoluzione rinascimentale con i suoi sviluppi in patologia, chirurgia, botanica, movimenti del sangue e infine le scoperte geografiche e le loro conseguenze sulle scienze naturali.

Marisa Cantarelli. Biografi...

Marisa Cantarelli. Biografi…

Marisa Cantarelli, la teorica italiana dell’assistenza infermieristica, ha segnato in maniera profonda gli ultimi cinquanta anni della professione infermieristica nel nostro Paese. Anni importanti, in cui sono stati raggiunti tanti traguardi e in …

Nei luoghi perduti della fo...

Nei luoghi perduti della fo…

La capacità di Eugenio Borgna di suscitare intricate tessiture di significati intorno al nucleo inafferrabile di un enigma, di un’avventura esistenziale, di un’esperienza di dolore o di sofferenza, di angoscia o di follia, circoscrive la cifra più…

Lettera da Francoforte

Lettera da Francoforte

È passato più di un secolo dall’Olocausto e Vera Stein, una sopravvissuta ad Auschwitz, intraprende un odissea per ottenere dal governo tedesco un misero risarcimento cui sa di avere diritto. Ha così inizio una folle corrispondenza lunga sette ann…

Il Che. Una leggenda del se...

Il Che. Una leggenda del se…

Questa biografia si basa su una lunga ricerca durata cinque anni, su un’analisi rigorosa delle fonti, molte delle quali inedite, e sulle testimonianze di chi conobbe il Che. In un libro che è contemporaneamente un saggio, racconto d’avventure, gia…

Italiani con valigia

Italiani con valigia

"Noi italiani non facciamo niente in maniera normale" scrive Beppe Severgnini. "Facciamo tutto da italiani, e questo non è necessariamente un difetto". Anche quando partiamo, ci portiamo dietro le nostre qualità e le nostre squ…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *