La fine del lavoro Titolo: La fine del lavoro
Autore: Jeremy Rifkin
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2005
EAN: 9788804536536

La rivoluzione tecnologica e informatica che ha segnato gli ultimi decenni del ventesimo secolo e l’inizio del terzo millennio ha portato nel mondo del lavoro veri e propri sconvolgimenti caratterizzati dalla progressiva scomparsa dei vecchi "mestieri" e dalla crescente obsolescenza delle abilità e delle competenze acquisite dai lavoratori delle generazioni meno giovani. Stiamo entrando – sostiene Rifkin – nell’era della "fine del lavoro": calcolatori e robot sostituiscono via via l’uomo in un numero crescente di settori produttivi, un fenomeno che non riusciranno ad arginare neppure le professioni emergenti e i nuovi mercati esteri. E, in un’economia che si globalizza, ogni stato dovrà fare i conti con una massa sempre più consistente di disoccupati. Nel suo saggio, intelligente e provocatorio quanto pieno di speranze per il futuro, Rifkin non prospetta l’imminenza di una catastrofe socioeconomica, ma ci spiega come sarà possibile sfruttare le potenzialità della tecnologia per evitare il collasso e creare un nuovo e più umano ordine sociale.

Il lavoro nell'epoca della ...

Il lavoro nell’epoca della …

Le certezze della prima modernità – quali piena occupazione, Stato nazionale e sociale, sfruttamento – si stanno esaurendo. Ciò che si sta delineando è una società mondiale fondata sul rischio. Stiamo entrando in una seconda modernità, contraddist…

Inchiesta sul lavoro. Perch...

Inchiesta sul lavoro. Perch…

Da sindacalista della Cgil, poi da ricercatore, professore di diritto del lavoro, avvocato, editorialista del "Corriere della Sera", e per qualche tratto anche come politico in Parlamento, Pietro Ichino ha spesso sostenuto tesi scomode p…

Farsi capire. Comunicare co...

Farsi capire. Comunicare co…

Annamaria Testa ci aiuta a riflettere sui presupposti della comunicazione, sulle mappe mentali in base alle quali organizziamo il mondo e sulle strutture dei linguaggi che usiamo. Quindi ci mostra le tecniche per trasmettere con successo a ogni in…

Tobruk 1940. Dubbi e verità...

Tobruk 1940. Dubbi e verità…

Il 28 giugno 1940 il trimotore S.79 su cui volava Italo Balbo con altre otto persone venne abbattuto dalla contraerea italiana nel cielo di Tobruk, in Libia. Benché ufficialmente archiviato come deplorevole errore, sin dal primo momento, su quell’…

Il lavoro e la cura. Impara...

Il lavoro e la cura. Impara…

Negli ultimi anni è cambiato il rapporto della società con la cultura del lavoro: dopo il mito della piena occupazione, sono arrivate le forme di lavoro atipico, relative non solo al mercato del lavoro, ma anche ai modelli produttivi e regolativi,…

La fine del Terzo Reich

La fine del Terzo Reich

Gli autori analizzano la visione che Hitler aveva della guerra e della politica alleata nei confronti della Germania. Descrive le condizioni di vita delle donne, mobilitate anch’esse nel marzo del ’45 per erigere un nuovo fronte. Il prezzo pagato …

La fine dell'uguaglianza. C...

La fine dell’uguaglianza. C…

Ritornare alle radici della democrazia moderna. Rimettere al centro delle nostre società il valore dell’uguaglianza, che ha animato la Rivoluzione americana e quella francese. È l’appassionato appello di Vittorio Emanuele Parsi, docente di Relazio…

Vite in cantiere. Migrazion...

Vite in cantiere. Migrazion…

Nel nostro paese i rumeni sono più di un milione, quasi un quarto degli immigrati complessivi. Da quando sono cittadini comunitari, paradossalmente, sono oggetto di un’ostilità accresciuta, anche se la loro è in primo luogo una migrazione di lavor…

L' Italia e la fine della g...

L’ Italia e la fine della g…

I due dicasteri presieduti da Giulio Andreotti fra luglio ’89 e aprile ’92 dovettero confrontarsi con eventi internazionali di grande portata: la caduta del muro di Berlino e la riunificazione tedesca, la guerra del Golfo, l’inizio del conflitto j…

O i figli o il lavoro

O i figli o il lavoro

Qualcuno l’ha paragonata a un campo di battaglia. È la maternità delle donne che lavorano e vorrebbero continuare a farlo senza subire stress e umiliazioni anche quando scelgono di mettere al mondo un bambino. Invece, in Italia come in nessun altr…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *