La ragazza scomparsa. Theodore Boone Titolo: La ragazza scomparsa. Theodore Boone
Autore: John Grisham
Traduttore: N. Lamberti
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2013
EAN: 9788804626190

April Finnemore è scomparsa. Qualcuno l’ha rapita nel cuore della notte, e l’ultimo ricordo che Theodore Boone ha di lei è la telefonata della sera prima. Perché April si sente sola, e spesso trova conforto dalla sua difficile vita familiare nelle lunghe chiacchierate con lui. Theo, tredicenne avvocato in erba, è sempre pronto a intervenire: ma ora è disposto a rischiare tutto, visto che il rapimento riguarda la sua migliore amica e il sentimento che lo muove è forse qualcosa di più che l’amore per la giustizia. La polizia sembra non avere indizi, finché dalla vita di April non emerge Jack Leeper, un parente evaso di prigione. E nel frattempo dalle acque del fiume viene ripescato un corpo misterioso. Il malvivente è coinvolto nel rapimento? E soprattutto, April è ancora viva? Mai come ora Theodore Boone dovrà sfoderare tutto il proprio coraggio per risolvere il caso più importante della sua giovane carriera, prima che sia troppo tardi. Età di lettura: da 12 anni.

L' accusato. Theodore Boone

L’ accusato. Theodore Boone

Theodore Boone ha solo 13 anni ma ha già dimostrato di avere le carte in regola per realizzare il suo sogno: diventare un grande avvocato. Per questo, quando scopre che un ladro ha rubato un cappello da baseball dal suo armadietto a scuola, non si…

La clessidra di Aldibah. La...

La clessidra di Aldibah. La…

Non c’è tregua per Sofia, giovane erede dell’ultimo dei draghi e unica speranza contro Nidhoggr, la feroce viverna nata per distruggere l’equilibrio del mondo. La battaglia per la conquista del Frutto di Eltaninn si è appena conclusa, ma il nemico…

I gemelli di Kuma. La ragaz...

I gemelli di Kuma. La ragaz…

Accompagnata dal bizzarro professor Schlafen e dai suoi compagni, Sofia parte alla volta di Edimburgo. Ha infatti percepito nella capitale scozzese la nascita di uno dei Frutti dell’Albero del Mondo, e deve riuscire a trovarlo prima che le malvagi…

L' eredità di Thuban. La ra...

L’ eredità di Thuban. La ra…

Sofia guarda Roma attraverso il cancello dell’istituto dove è cresciuta e pensa che ormai non verrà più adottata da nessuno. La vita all’orfanotrofio le sembra un libro in cui la stessa pagina si ripete all’infinito, fino a quando un giorno un pro…

Sistemazione provvisoria de...

Sistemazione provvisoria de…

Dopo due libri di racconti e un romanzo, Gene Gnocchi si è dedicato a una raccolta di poesie. Una scrittura analitica riproduce meccanismi di percezione: "Le cose stanno sempre un po’ più in alto", per vederle bisogna avere l’occhio un p…

L' istituto per la regolazi...

L’ istituto per la regolazi…

"Quel che conta, in questo capolavoro comico-satirico, è la forma con cui Tanpinar prova a maneggiare il Tempo, l’attrezzo con cui entra dentro la gabbia delle tigri: un orologio. Il che è un paradosso, o un’apparente contraddizione: Tanpinar…

Borromini. Ediz. illustrata

Borromini. Ediz. illustrata

Un dossier interamente dedicato al Borromini (1599-1667). Nel sommario: "Gli anni della formazione"; "Ritratto di Francesco Borromini" (Filippo Baldinucci); "Arte, ingenio et modo: l’autonomia professionale"; "Un…

Le quaranta porte

Le quaranta porte

Ella Rubinstein ha quarant’anni, una famiglia e una casa perfette, e da tempo ha dimenticato che gusto ha l’amore. Non può immaginare che qualcosa sta per sconvolgere la sua esistenza immobile come le acque di un lago: un libro. Si intitola "…

Gli impegni nei procediment...

Gli impegni nei procediment…

Il decreto legge n. 223 del 2006, convertito nella legge n. 248 del 2006, ha introdotto all’interno della legge 287 del 1990 l’art. 14 ter. Tale norma attribuisce all’Autorità garante della concorrenza e del mercato il potere di chiudere il proced…

Tre donne alte

Tre donne alte

In scena una donna di novant’anni che rivisita con impietosa lucidità il proprio passato. Appena travestito nel personaggio, è lo stesso Albee che fa i conti con la propria vita e con il proprio lavoro. Del resto ogni drammaturgo, come diceva Keat…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *