La scuola delle catacombe Titolo: La scuola delle catacombe
Autore: Ada Zapperi Zucker
Editore: Vog Verlag ohne Geld
Anno edizione: 2012
EAN: 9783943810011

Otto racconti in cui si apre alla vista, come un panorama dolomitico, un paesaggio umano dalla tante sfaccettature. Emergono quasi dal nulla figure femminili che al nulla sono abituate, all’ombra dove sono state relegate dalla cultura, dalle usanze, dalla religione. Donne ignorate dalla storia ufficiale che però con grande contributo di sofferenza, lavoro incessante e mai retribuito, accettazione di una quotidianità imposta, ne hanno costruito le basi, subendone poi tutte le conseguenze. Una lunga storia di donne tutta da scrivere: donne semplici che hanno chiesto assai poco e non hanno ricevuto neanche quel poco, pur avendo dato l’essenziale, cioè la vita stessa alle generazioni seguenti. Un omaggio a queste piccole-grandi protagoniste della storia, concentrato in un paese di grande bellezza naturale, centro di molti conflitti politici, linguistici, culturali di difficile soluzione: il Sudtirolo. Anche questo un prodotto della storia non certo voluto dalle donne.

Barnabo delle montagne

Barnabo delle montagne

Nella solitudine delle foreste e dei ghiacciai alpini si svolge l’avventura esistenziale della giovane guardia forestale Barnabo, custode, insieme ad alcuni compagni, di una polveriera in alta montagna. In seguito all’attacco di alcuni banditi la …

Il custode del museo delle ...

Il custode del museo delle …

In una Bari che profuma di fine estate, Andrea cerca di sopravvivere all’ultimo anno di liceo e ai tira e molla con la fidanzata, progettando la fuga verso un Nord che gli sembra carico di promesse. Finché il nonno, un intellettuale angosciato dal…

I delitti delle sette virtù

I delitti delle sette virtù

Anno Domini 1481. Un rogo brucia in una città spagnola: un uomo e una donna, bollati come eretici, stanno espiando le loro colpe. Ad assistere, con gli occhi sbarrati e il cuore gonfio di paura, c’è un bambino. È il figlio Rafael, che guarda morir…

Il canto delle manére

Il canto delle manére

La manéra è la scure dei boscaioli di Erto. Nessuno come Santo della Val, che abbiamo già incontrato in Storia di Neve, ne conosce il filo della lama, l’equilibrio del manico, nessuno come lui sa ascoltare il canto che si alza dalle manére quando …

Le vergini delle rocce

Le vergini delle rocce

"Certo, ci sentiamo molto lontani dal culto del ‘dominatore’, e il sogno di restaurare la gloria di Roma mediante i propri lombi, incerti nella scelta di tre improbabili principesse di razza stanca, ma in trepida attesa, urta il nostro intell…

Il canto delle balene

Il canto delle balene

"Questa è la storia di come ho tradito mia moglie e non ne sono affatto pentito", inizia cantando il protagonista, ed è un pover’uomo costretto dalla moglie in analisi a partecipare a una seduta collettiva nella quale si svelano tutti i …

Questa scuola non è un albergo

Questa scuola non è un albergo

Angelo D’Amore è un ragazzo che renderebbe orgogliosa ogni mamma: ha diciotto anni, è bello, simpatico, intelligente e non ha grilli per la testa. Vive in una casa che si affaccia sull’incantevole Golfo di Napoli e frequenta l’ultimo anno dell’ist…

La sirena delle cinque

La sirena delle cinque

Nata a Colleferro (Roma) in una famiglia operaia, Barbara Balzerani partecipa al movimento del 1968 e successivamente aderisce a Potere Operaio. Si laurea in Filosofia e a metà degli anni Settanta entra a far parte delle Brigate Rosse, fino al suo…

Il giorno delle zucche

Il giorno delle zucche

La memoria di un mondo scomparso e segreto, dove le cose esistevano davvero, si intreccia con un "diario", feroce fino al sarcasmo, dove i luoghi comuni della nostra civiltà dell’apparenza sono messi a nudo in un balletto allegro e dissa…

Filosofia della storia univ...

Filosofia della storia univ…

Nel pensiero di Hegel la storia del mondo è lo scenario dove si muovono le storie dei popoli che, nelle diverse epoche, hanno incarnato un momento del pregresso complessivo dello spirito. Dai tempi antichi all’Ottocento, dall’Oriente all’Europa ro…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *