Martiri che uccidono. Il terrorismo suicida nelle nuove guerre Titolo: Martiri che uccidono. Il terrorismo suicida nelle nuove guerre
Autore: Domenico Tosini
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2012
EAN: 9788815234810

Le lamiere divelte degli autobus israeliani, l’ecatombe delle Torri gemelle, la metropolitana di Londra sventrata, il sangue nelle strade di Kabul e nei mercati di Baghdad. Chi sono i giovani che si immolano quasi ogni giorno in Afghanistan, in Iraq e in Pakistan, massacrando innumerevoli civili inermi, e che sognano di fare altrettanto nelle capitali dell’odiato Occidente? Cosa li induce a una scelta così cruenta, di cui saranno essi stessi le prime vittime? Chi li incoraggia? Quali sono i gruppi armati che li mandano in "missione"? Questo libro ricostruisce con cura origini e sviluppi del fenomeno, decifra le idee che fanno di un suicida assassino un eroe e un martire, mette in luce le condizioni politiche, economiche e culturali che agevolano i gruppi terroristici e favoriscono l’arruolamento dei kamikaze.

Infine, spalanca la "scatola nera" delle esperienze, delle motivazioni e delle emozioni che spingono gli attentatori al tragico paradosso di annientare se stessi e altri innocenti in nome di valori religiosi e ideali di giustizia.

Cuore di Dio, cuore dell'uo...

Cuore di Dio, cuore dell’uo…

Da prete cattolico, l’autore ha frequentato amorosamente la tradizione ebraica per anni, percorrendo un itinerario personale e intellettuale che passa attraverso il riconoscimento dell’indipendenza di senso della Bibbia ebraica, in quanto scritta …

Opera omnia. Vol. 12: Vita ...

Opera omnia. Vol. 12: Vita …

Con questo volume, come dice la nota editoriale che l’accompagna, "ci troviamo di fronte a una delle più classiche aperture di un cassetto da tempo rimasto chiuso. Questo è potuto capitare anche a uno studioso come Ries, che aveva un archivio…

La vita del mare. Forza e f...

La vita del mare. Forza e f…

La Terra è il pianeta blu. Ma la nostra conoscenza del mare è spesso approssimativa e superficiale. L’autrice ci guida alla scoperta dei suoi abitanti adottando un punto di vista tutto particolare: il loro! Scopriremo così come si muovono, in che …

A pezzi per te

A pezzi per te

La settantacinquenne Margaret Hughes vive in una grande villa sulle colline di Seattle in compagnia di una vasta collezione di porcellane antiche e preziosissime. Le ha ereditate dal padre e da allora le ha custodite con ogni cura, fingendo di ign…

L' anglais d'Amérique

L’ anglais d’Amérique

Oggi risulta superfluo evidenziare le differenze tra l’inglese britannico e l’inglese americano. Il mondo del commercio internazionale e delle comunicazioni mondiali si è sviluppato, nel bene e nel male, intorno agli Stati Uniti d’America, dove so…

Sono ebreo, anche. Riflessi...

Sono ebreo, anche. Riflessi…

Ateo, anarchico, surrealista. Ma anche ebreo. Così si definisce Arturo Schwarz. In queste pagine dimostra come proprio nell’ebraismo, vissuto nella sua dinensione esistenziale e filosofica, sia possibile trovare le radici del suo atteggiamento e d…

Segreto di Stato. La verità...

Segreto di Stato. La verità…

Tentativi di colpi di stato, stragi, complotti e assassini politici: per quasi mezzo secolo la vita del nostro Paese è stata condizionata da quest’incubo. Quante volte abbiamo cercato un "perché" ai troppi, intollerabili segreti d’Italia…

Il conte di Montecristo

Il conte di Montecristo

Ha centosettant’anni, ma non perde un colpo. Pubblicato a puntate fra l’agosto 1844 e il gennaio 1846 sul "Journal des Débats", mentre Dumas lo stava ancora scrivendo (con l’aiuto di un ghost-writer, Auguste Maquet), senza sapere nemmeno…

La traversata. La Chiesa da...

La traversata. La Chiesa da…

La società è divenuta ormai irreversibilmente pluriculturale, plurietnica e plurireligiosa. Per agire da fermento spirituale, culturale e sociale, la Chiesa deve porsi in modo nuovo, altrimenti non è più credibile né quando annunzia il Vangelo, né…

Immagini di violenza divina...

Immagini di violenza divina…

Le immagini violente di Dio occupano molte pagine della Bibbia e, tuttavia, suscitano stupore poiché sembrano contrastare con l’eredità della tradizione teologica cristiana. Il disorientamento obbliga a ripensare la prospettiva con la quale ci si …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *