Oscar Wilde e il gioco della morte Titolo: Oscar Wilde e il gioco della morte
Autore: Gyles Brandreth
Traduttore: A. Garavaglia
Editore: Sperling & Kupfer
Anno edizione: 2008
EAN: 9788820046101

Londra 1892. Ogni domenica Oscar Wilde è solito riunirsi al club Socrate fra vecchi amici come Conan Doyle e Bram Stoker e una sera, per sconfiggere la noia, propone un gioco. Ognuno dovrà scrivere in segreto il nome della persona che vorrebbe uccidere fra i presenti. Ma quando gli invitati iniziano a morire davvero, Wilde dovrà scoprire l’assassino prima che arrivi al tredicesimo nome della lista: il suo.

Le regole della vendetta

Le regole della vendetta

Sul volo 99 in arrivo a Heathrow da Nairobi, il medico Jonathan Ransom ha l’aria di un passeggero come tanti, stanco e annoiato dalle lunghe ore di viaggio. Non sa ancora cosa lo aspetta a Londra, anche se la moglie Emma, la donna che per anni è s…

La vita fa rima con la morte

La vita fa rima con la morte

È una calda sera d’estate a Tel Aviv. Seduto al tavolo degli oratori in veste d’ospite d’onore a un incontro letterario, lo scrittore ascolta e non ascolta i lunghi convenevoli, la barocca presentazione del critico di turno, la voce incerta della …

Viaggio al centro della terra

Viaggio al centro della terra

Un antico e misterioso documento scritto da uno scienziato e rinvenuto per caso; il sogno di giungere al centro della Terra; la lotta con un rivale privo di scrupoli; la spaventosa solitudine degli abissi; l’incontro con animali preistorici; un oc…

Don Chisciotte della Mancia

Don Chisciotte della Mancia

L’opera è divisa in due parti, composte a grande distanza di anni tra loro. In un borgo della Mancia vive un povero hidalgo che, totalmente assorbito dalla lettura di romanzi cavallereschi, impazzisce e decide di farsi cavaliere errante. Datosi il…

Don Chisciotte della Mancia

Don Chisciotte della Mancia

Capolavoro della letteratura mondiale, Don Chisciotte inaugura la grande stagione del romanzo moderno. Scritto con l’intento di parodiare i libri di cavalleria, narra le gesta di un nobile hidalgo spagnolo, idealista e folle, e del suo fido scudie…

L' albero della febbre

L’ albero della febbre

Londra, 1880. Quando suo padre muore all’improvviso, Frances Irvine, cresciuta negli agi della buona società inglese, si ritrova a diciannove anni sola e sommersa dai debiti. È quindi costretta ad accettare la proposta di matrimonio del cugino Edw…

Critica della ragion criminale

Critica della ragion criminale

Prussia, 1804. Perché il grande filosofo Immanuel Kant conserva in un laboratorio segreto le teste spiccate delle vittime dei delitti orrendi che da qualche tempo fanno pensare ai buoni cittadini di Koenigsberg che la città è invasa dalle potenze …

Il lupo della steppa

Il lupo della steppa

Il disagio di fronte alla volgarità e alla massificazione della società moderna, la ricerca di valori più elevati, la forza liberatrice degli impulsi primordiali, il rimettersi in gioco a partire da una nuova consapevolezza. Sono questi alcuni dei…

L' invenzione della solitudine

L’ invenzione della solitudine

Il libro si compone di due scritti speculari. Il primo, "Il ritratto di un uomo invisibile", è una meditazione sulla scomparsa del padre, scritta qualche settimana dopo la sua morte. "Niente è più terribile che trovarsi faccia a fac…

Il sorriso ai piedi della s...

Il sorriso ai piedi della s…

"Questa è la sola storia vera che io abbia raccontato fino adesso," dice Miller nell’epilogo scritto per questo racconto. Un’affermazione strana perché si tratta forse della sua unica storia di fantasia pura. Ma Miller chiarisce: "I…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *