Tra le pieghe delle parole. Lingua storia cultura Titolo: Tra le pieghe delle parole. Lingua storia cultura
Autore: G. Luigi Beccaria
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
EAN: 9788806194918

Perché chiamiamo Oscar la statuetta d’oro e croissant il cornetto a forma di mezzaluna? E dove hanno avuto origine espressioni come: "Cavarsela per il rotto della cuffia" o "Allevare una serpe in seno" o "Fare la gatta morta"? Perché il luogo dove abitiamo porta quel nome, e qual’è l’origine dei nostri cognomi? In essi c’è sempre traccia evidente e duratura del passato. Anche i nomi di inventori, viaggiatori, scienziati, legati alle loro scoperte, sopravvivono come termini d’uso comune: mansarda, biro, bignami, magnolia ecc. La lingua nomina quel che siamo, giudica il diverso, lo straniero, genera un cumulo di "parole contro", testimonia distacchi culturali e differenti punti di vista. Ogni scelta linguistica, ogni parola-chiave che in determinati momenti storici è diventata una sorta di parola-bandiera, si fa strumento per sistemare il mondo circostante. La lingua testimonia cosi le stratificazioni del tempo, protrae nel presente immagini e pareri condivisi e sedimentati nei modelli sociali e culturali del passato.

La rivoluzione delle lingue

La rivoluzione delle lingue

Qual è il destino delle lingue nel terzo millennio? Cerca di rispondere a questa domanda David Crystal, professore di Linguistica nell’Università del Galles, Bangor. Quali sono le ragioni dell’egemonia linguistica dell’inglese? E di quale inglese …

L' orizzonte verticale. Inv...

L’ orizzonte verticale. Inv…

Presente da quasi un secolo su tutti i giornali del mondo, assente da qualsiasi storia del giornalismo, del costume, della lingua, il cruciverba è l’inavvertito elefante che siede nel salotto della comunicazione del Novecento. Molti lo ritengono p…

Conflitti di lingua e di cu...

Conflitti di lingua e di cu…

La lingua come prodotto storico; i mutamenti nell’uso del linguaggio come affermazione della libertà spirituale del soggetto parlante; la dialettica fra attività soggettiva del parlante e il sistema linguistico. Questi sono alcuni dei nuclei conce…

Storia delle lingue lettera...

Storia delle lingue lettera…

Fin dalle più antiche attestazioni scritte il greco si presenta scisso in numerosi dialetti, talvolta assai diversi tra loro e resi graficamente con sistemi differenti (sillabari e alfabeti locali). Nelle varianti letterarie di alcuni di questi di…

I confini di Babele. Il cer...

I confini di Babele. Il cer…

Menzione speciale della giuria alla XIV edizione del Premio Letterario Merck.

Perché non tutte le regole concepibili sono realizzate nelle lingue del mondo? In altre parole, come si spiega il mistero delle "lingue impossibi…

L' orizzonte verticale. Inv...

L’ orizzonte verticale. Inv…

Presente da quasi un secolo su tutti i giornali del mondo, assente da qualsiasi storia del giornalismo, del costume, della lingua, il cruciverba è l’inavvertito elefante che siede nel salotto della comunicazione del Novecento. Molti lo ritengono p…

Linguaggio e silenzio. Sagg...

Linguaggio e silenzio. Sagg…

Il testo offre una riflessione sul ruolo della cultura nella società contemporanea, sullo stato della letteratura e sulle responsabilità degli scrittori e degli artisti in genere. Nel corso del Novecento nazismo e stalinismo, con le loro atroci fa…

Dizionario enciclopedico de...

Dizionario enciclopedico de…

Il volume propone un’analisi dettagliata di 171 lingue sotto il profilo culturale e dell’uso quotidiano, sullo sfondo di un viaggio tra le 3.000 lingue parlate nel mondo. Sono analizzate le famiglie linguistiche, i percorsi evolutivi, le loro pecu…

Viaggiatori, musicisti, poe...

Viaggiatori, musicisti, poe…

In queste pagine Luca Serianni affronta alcuni nodi fondamentali della storia della lingua italiana tra Sette e Novecento, dal rapporto con la grande tradizione letteraria trecentesca alle impressioni dei viaggiatori stranieri che hanno percorso i…

La rete delle immagini

La rete delle immagini

Il libro studia come, nei secoli che precedettero la stampa, i predicatori comunicavano i loro messaggi alle masse cittadine, e quali strumenti usavano per influenzare il pubblico, per controllarne le passioni, per far perdurare nella memoria gli …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *